La malattia parodontale aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche, compresa la malattia mentale

Data

11/02/2022

Autore

Leonardo Bergo

La malattia parodontale aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche, compresa la malattia mentale

In un recente studio, i ricercatori dell’Università di Birmingham hanno esaminato le cartelle di pazienti con una storia di malattia parodontale, tra cui gengivite e parodontite. Essi hanno riferito che la malattia parodontale è associata a malattie croniche come malattie cardiovascolari, cardio metaboliche, autoimmuni e mentali. Lo studio sottolinea l’importanza di applicare approcci preventivi per la gestione delle patologie parodontali e la necessità di migliorare la comunicazione tra personale medico e odontoiatrico al fine di ridurre al minimo il rischio di sviluppare malattie.

 

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato i registri di 64.379 pazienti con anamnesi registrata di malattia parodontale, inclusi 60.995 pazienti affetti da gengivite e 3.384 pazienti affetti da parodontite. Le cartelle cliniche dei pazienti sono state quindi confrontate con quelle di 251.161 pazienti senza precedenti per patologia parodontale, al fine di stabilire quanti di essi con patologia parodontale e quanti senza continuino a sviluppare patologie cardiovascolari, disturbi cardio metabolici, patologie autoimmuni e mentali, tra cui depressione, ansia e gravi malattie mentali, in media nell’arco di tre anni.

I risultati hanno fornito dati cruciali che hanno contribuito a confermare e rafforzare il legame tra la malattia parodontale e altre malattie croniche, in particolare la salute mentale.

Commentando lo studio, il co-autore Dr Joht Singh Chandan, docente universitario NIHR di salute pubblica presso l’Istituto di Ricerca sulla Salute Applicata dell’Università di Birmingham, ha dichiarato in un comunicato stampa: «La cattiva salute orale è estremamente comune, sia qui nel Regno Unito che a livello globale». Ha aggiunto: «Quando la malattia orale progredisce, può portare a una qualità di vita sostanzialmente ridotta. Tuttavia, finora non si sa molto sull’associazione tra la cattiva salute orale e molte malattie croniche, in particolare i disturbi mentali».

Il dott. Chandan ha inoltre spiegato che la prevalenza della malattia parodontale è relativamente elevata e che il fatto che essa possa mettere le persone a maggior rischio di sviluppare altre malattie croniche può costituire un grave problema di salute pubblica.

Vi è quindi una forte necessità di costruire rapporti tra medici e odontoiatri

Lo studio è solo uno dei tanti ad associare la malattia parodontale ad altre patologie, e i risultati confermano l’importanza della prevenzione, dell’individuazione precoce e del trattamento della parodontite.

 

https://it.dental-tribune.com/news/

Argomenti correlati

News Correlate

Casi Clinici Correlati

Relazione tra la sigaretta elettronica e la malattia parodontale

Relazione tra la sigaretta elettronica e la malattia parodontale E’ noto che il fumo di tabacco è dannoso per la salute orale, ma i rischi delle nuove alternative al fumo quali la sigarette elettroniche sono meno noti, anche se spesso si ritiene che si tratti di soluzioni più sane. Dopo una serie di studi è […]

Giornata mondiale della salute orale

Giornata mondiale della salute orale In occasione della Giornata mondiale della salute orale, che si tiene il 20 marzo, la World Dental Federation (FDI) ha rilasciato un video informativo con lo slogan «Be proud of your mouth: Because good oral health can help you live a longer, healthier life» (Sii fiero della tua bocca, perché una buona salute […]

Fumo e i danni odontoiatrici causati: melanosi, problemi gengivali e cancro orale

Fumo e i danni odontoiatrici causati: melanosi, problemi gengivali e cancro orale. Ieri 14 Dicembre è stata presentata una  monografia stilata dalle associazioni ATASIO, AIDI, UNID sui danni causati dal tabagismo a denti e cavo orale e sul ruolo centrale degli Igienisti dentali  nella prevenzione di tali problematiche. E’ noto che il vizio del fumo […]