Se il mal di testa lo curi dal dentista

Data

18/06/2018

Autore

Leonardo Bergo

Quando parlo del corpo umano mi piace paragonarlo a quelle strutture fatte di cavi, funi e tiranti, nelle quali ogni parte è connessa all’altra e tutto funziona perché è in perenne tensione: come i tendoni da circo. Impalcature resistenti e allo stesso tempo delicate, perché non è possibile spezzare una sola fune o modificare un solo tirante senza che questo si ripercuota sull’intera struttura. Anche noi siamo tensostrutture, in un certo senso. A volte l’origine di un problema – e quindi la sua soluzione – non si trova in corrispondenza del dolore, ma altrove. Il dolore è soltanto il punto d’arrivo.

Emicranie e cefalee, per esempio, possono essere riflesso di problematiche che non hanno solo a che fare con la testa. Per questo motivo, quando un paziente lamenta anche tali sintomi, noi dello Studio Bergo cerchiamo innanzitutto di stabilire se dipendano o meno da un problema odontoiatrico. Per esserne davvero certi ci basiamo su indagini strumentali quali la kinesiografia che misura i movimenti della bocca, indagini radiologiche che possono anche avvalersi della TC Cone Beam (un esame simile alla TAC) capace di  ricostruire l’anatomia ossea in formato tridimensionale e prove kinesiologiche per valutare i movimenti di testa e collo. Frequentemente i nostri test rivelano una correlazione tra mal di testa muscolo tensivo e deviazione mandibolare. Come un vero e proprio effetto domino, infatti, il posizionamento della nostra mandibola influisce non solo su masticazione e deglutizione, ma anche sulle prime due vertebre cervicali e di conseguenza sui muscoli di questo tratto della colonna vertebrale; tra questi alcuni sono in stretta relazione con la dura madre, quella membrana rigida che ricopre il cervello e che se va in tensione può provocare forti mal di testa.

La colonna vertebrale può essere paragonata a una catena ad anelli; se  i primi due anelli della catena ruotano, quelli successivi saranno costretti ad adeguarsi andando anch’essi in torsione e di conseguenza i muscoli paravertebrali lì accanto. Così, un posizionamento scorretto della mandibola si ripercuote sulle vertebre cervicali (in particolare le prime due) e sui muscoli paravertebrali provocando uno “stiramento della dura madre” e una cefalea di tipo  muscolo tensivo.

Un paziente con una deviazione della mandibola anche molto lieve, probabilmente svilupperà una tensione che facilmente si ripercuote sulle prime due vertebre cervicali che tenderanno a ruotare nella stessa direzione della deviazione della mandibola ma con ampiezza maggiore, e questo per effetto “tirante” (il tendone da circo, ricordate?).

La terapia  consiste nell’utilizzo di un bite di riprogrammazione neuro motoria da usare di notte durante il sonno; nell’arco di pochi mesi questo consentirà al paziente di acquisire una postura corretta della mandibola con la capacità di compiere movimenti della bocca corretti, imparati attraverso l’uso del bite costruito in modo tale da consentire traiettorie di movimento solo corrette. Impossibile sbagliarsi!

Agevolando il movimento, il bite diventa un vero e proprio strumento fisioterapico per i muscoli della mandibola e permette al cervello di riattivare vie motorie che aveva abbandonato magari a causa del dolore, fino a dimenticarsene. Un ottimo allenamento anche per le cellule nervose del nostro cervello quindi.

Le deviazioni mandibolari, così come i disturbi di masticazione, deglutizione, fonazione e respirazione, sono problematiche che fanno capo ai cosiddetti Squilibri Muscolari Oro – Facciali (“SMOF”); essi  sono di pertinenza dell’odontoiatria soprattutto se si occupa di gnatologia.

Siamo tensostrutture, e ogni tessuto del nostro corpo quando va in tensione influenza gli altri tessuti.

Lo ha capito perfettamente Laura, sessantasei anni e il morale a terra per quelle cefalee ricorrenti e quel dolore ai muscoli temporali che fisioterapia e osteopatia non riuscivano a risolvere.

Noi siamo riusciti a darle una mano. Come? Lo raccontiamo nel prossimo articolo.

News Correlate

Casi Clinici Correlati

La perdita dei denti comporta una riduzione della capacità di svolgere attività quotidiane

Ricercatori UK e giapponesi ipotizzano che la perdita dei denti può anche ostacolare le interazioni sociali e quindi peggiorare la qualità della vita in generale e non solo la salute Che la perdita dei denti influisce sulla nostra capacità masticatoria è più che noto, ma la perdita dei denti può causare una riduzione della capacità […]

La tecnica dell’ Estrusione Ortodontica: come evitare l’estrazione di denti gravemente compromessi

La tecnica dell’ Estrusione Ortodontica: come evitare l’estrazione di denti gravemente compromessi   Gli elementi dentari gravemente compromessi da lesioni cariose estese fino sotto la gengiva,  o che presentano fratture sotto il bordo gengivale, generalmente vengono considerati non recuperabili e quindi l’estrazione di questi  denti e la loro successiva sostituzione con impianti o ponti protesici […]

Gum Health Day 2021: promuovere la salute parodontale per una vita migliore

Oggi 12 maggio, oltre 40 paesi celebrano il Gum Health Day 2021 per sensibilizzare l’opinione pubblica su come prevenire e rilevare gengiviti, parodontiti e perimplantiti che possono influire sulla salute generale e sono collegate alle complicanze del Covid-19. Obiettivo della giornata è educare il cittadino su come rilevare e prevenire facilmente le malattie gengivali  ( gengiviti, parodontiti e […]